USA, Obama dichiara la legge marziale in tempo di "pace"

Scritto da: -

Gli Usa dichiarano la legge marziale in tempo di pace. Perchè proprio ora? Se lo ritenesse necessario, Obama potrebbe decidere di requisire cibi, vestiti, veicoli, carburanti ecc. ecc.. Ecco il testo del decreto!

barack-obama-legge-marziale-usa.jpg
Sul sito della Casa Bianca, lo scorso 16 marzo è stato pubblicato un nuovo decreto. O meglio un ordine esecutivo del Presidente Obama in merito alla preparazione delle risorse per la difesa degli Stati Uniti (Executive Order, National Defense Resources Preparedness).

“Sfuggita” ai media “tradizionali”, la notizia sta invece riscuotendo molta attenzione in rete e… Difficile pensare che sia una bufala, visto l’esistenza del decreto proprio sul sito ufficiale WhiteHouse.gov.

Leggendo il testo del decreto, lo si intende come progetto di legge marziale. Esso infatti dà al presidente il potere di decidere, in tempo di pace come in tempo di guerra, di requisire qualsiasi risorsa, ritenuta necessaria per la “difesa nazionale”.

Per cui tutto, veramente tutto, può essere requisito, misurato, razionato e controllato dal governo. Dagli alimenti, ai materiali di costruzione, ai veicoli, al carburante, all’abbigliamento, ecc. ecc..

Perchè gli Stati Uniti in questo momento dichiarano la legge marziale?

Il testo comincia così:

In qualità di Presidente, con l’autorità conferitami dalla Costituzione e dalle Leggi degli Stati Uniti d’America, compreso il Defense Production Act del 1950 e dal Codice degli Stati uniti, e come Comandante in Capo delle Forze Armate degli Stati Uniti, ordino quanto segue.

Sezione 101. Scopo. Questo ordine delega le autorità e indirizza le politiche di gestione delle risorse per la difesa nazionale e i programmi sottoposti al Defense Production Act del 1950, come emendato (la “Legge”)

Sezione 102. Politica. Gli Stati Uniti devono avere una base industriale e tecnologica in grado di soddisfare le esigenze di difesa nazionale e in grado di contribuire alla superiorità tecnologica del suo equipaggiamento di difesa nazionale in tempo di pace e in tempi di emergenza nazionale. La base domestica industriale e tecnologica è il fondamento per la preparazione della difesa nazionale. Le autorità previste dalla “Legge” devono essere utilizzate per rafforzare questa base e per assicurarsi che sia in grado di rispondere alle esigenze di difesa nazionale degli Stati Uniti.

Sezione 103. Funzioni generali . I dipartimenti esecutivi e le agenzie responsabili per i piani e i programmi in materia di difesa nazionale o per le risorse dei servizi necessari a supportare tali piani e programmi, devono:

(A) identificare i requisiti per l’intero spettro delle emergenze, incluse quelle militari e civili;

(B) valutare su basi continue la capacità dell’industria domestica e la base tecnologica per soddisfare le richieste in tempi di pace ed in tempi di emergenza nazionale, valutando specificamente l’utilizzo delle risorse più necessarie e le fonti di produzione, compresi subappaltatori e supplenti, materiali, manodopera qualificata, il personale tecnico e professionale;

(C) essere preparati, in caso di una potenziale minaccia alla sicurezza degli Stati Uniti, a intraprendere le azioni necessarie per garantire la disponibilità di risorse adeguate e la capacità di produzione, compresi i servizi e le tecnologie cruciali, per le esigenze di difesa nazionale […]”…

Qui il decreto originale direttamente sul sito della Casa Bianca.

E qui un paio di siti che pubblicano per intero la traduzione del decreto in Italiano:
futurolibero, tuttouno.

LINK UTILI:

C’è chi si prepara per la guerra all’Iran

Colpo di stato nel Mali

Riflessioni su Giorgio Napolitano, tra Libia e Costituzione

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Internetepolitica.blogosfere.it fa parte del canale Blogo Sport di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano